Ti trovi in:

Servizi Demografici e funerari » Anagrafe » Cambio di residenza

Cambio di residenza

di Lunedì, 06 Ottobre 2014 - Ultima modifica: Lunedì, 27 Ottobre 2014

Con il cambio di residenza si comunica agli Uffici comunali la variazione della propria dimora abituale

Cos'è la residenza e come si stabilisce

La residenza si definisce come il luogo nel quale la persona ha la sua abituale dimora ed è una situazione di fatto, alla quale si collegano una serie di effetti che regolamentano la relazione che ogni persona intrattiene con il proprio territorio.
 La residenza è dichiarata presso l’ufficio dell’Anagrafe del Comune in cui s’intende risiedere: si parla in tal caso di residenza anagrafica, che è possibile modificare e trasferire. La prova del trasferimento della residenza è data dalla doppia dichiarazione resa al Comune dove si intende fissare la dimora abituale e a quello che si abbandona.
 Indipendentemente dalla residenza anagrafica stabilita in un Comune, si possono avere più residenze con riferimento ai luoghi nei quali si ha abituale dimora.

Il Cambio di residenza

Il cambio di residenza è il trasferimento effettuato da un cittadino italiano (o da un nucleo familiare) da un comune italiano o da un luogo situato all’estero in altro comune italiano, in cui il cittadino intende stabilire la propria residenza.

 Chi può richiedere il cambio di residenza

Possono effettuare la domanda di cambio di residenza i cittadini italiani o i nuclei familiari che:

  •  sono iscritti presso l’Anagrafe della popolazione residente di un altro comune italiano;
  •  sono iscritti presso l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E.);
  •  sono stati cancellati per irreperibilità dall’Anagrafe della popolazione residente di un comune italiano.

La domanda può essere presentata dal cittadino maggiorenne. Nel caso di nucleo familiare è di regola un componente maggiorenne della famiglia responsabile per le persone su cui esercita la responsabilità genitoriale o la tutela.
 La persona che richiede l’iscrizione deve comprovare la propria identità mediante un valido documento di riconoscimento. Ciò vale per qualsiasi dichiarazione anagrafica di cui sia responsabile o anche per effettuare il mutamento delle posizioni anagrafiche già dichiarate.

Come si richiede il cambio di residenza 

Il cittadino maggiorenne ovvero un componente maggiorenne del nucleo familiare anagrafico (se il trasferimento riguarda l’intero nucleo familiare) può presentare un’istanza con cui si richiede di attestare la variazione della residenza, entro 20 giorni dal trasferimento nella nuova abitazione, presso l’ufficio anagrafico competente ovvero può inviare tale istanza a mezzo posta ovvero via fax o e-mail.
 Il trasferimento di residenza della famiglia in altro comune comporta, di regola, anche il trasferimento di residenza dei componenti della famiglia stessa eventualmente assenti.
 Se il cittadino o il nucleo familiare si trasferisce in un’abitazione che risulti già essere residenza di un’altra persona o di un altro nucleo familiare, la dichiarazione con cui si richiede il mutamento di residenza deve essere sottoscritta anche da tale persona o da un componente maggiorenne di tale nucleo familiare.
 Grazie alle recenti norme in materia di semplificazione, il cittadino può presentare le dichiarazioni anagrafiche, relative al cambio di residenza, senza doversi recare presso l’ufficio del comune, ma inviandole a mezzo posta ovvero via fax o e-mail. Nel caso di dichiarazioni inviate tramite posta elettronica, occorre:

  •  sottoscrivere la dichiarazione con firma digitale (cioè lo strumento con cui si identifica l’autore di un documento informatico);
  •  essere identificati dal sistema informatico, tramite l’utilizzo della carta d’identità elettronica ovvero tramite l’utilizzo della carta nazionale dei servizi;
  •  inviare la dichiarazione dalla casella di posta elettronica certificata del dichiarante e inviare per posta elettronica (non certificata) copia della dichiarazione con firma autografa e del documento d’identità del dichiarante.

L’ufficiale dell’anagrafe, nei due giorni lavorativi successivi alla presentazione delle dichiarazioni anagrafiche relative al trasferimento della residenza, effettua le iscrizioni anagrafiche, mutando la residenza del dichiarante in tempo reale. Gli effetti giuridici delle iscrizioni anagrafiche decorrono, infatti, dalla data della dichiarazione.

Cosa sono gli accertamenti anagrafici
La legge obbliga l’ufficiale anagrafico a verificare la sussistenza del requisito della abitualità della dimora di chi richiede l’iscrizione nell’Anagrafe del comune. Gli accertamenti devono essere svolti dal corpo di polizia municipale o da altro personale comunale a ciò autorizzato. I controlli devono essere effettuati nei 45 giorni successivi alla dichiarazione resa o inviata nei modi previsti dalla legge (posta, e-mail ecc.). Nel caso in cui dagli accertamenti anagrafici emergono discordanze con la dichiarazione resa da chi richiede l’iscrizione anagrafica, l’ufficiale dell’Anagrafe è tenuto a segnalare quanto è emerso alla competente autorità di pubblica sicurezza. Tutto questo è previsto in quanto il presupposto per richiedere l’iscrizione all’Anagrafe della popolazione residente di un determinato comune, a seguito del trasferimento della residenza da altro comune o dall’estero, è costituito appunto dal fatto di risiedere entro tale comune, vale a dire di avervi stabilito la propria residenza o dimora abituale. 
 Quanto costa il cambio di residenza

La presentazione delle richieste relative al trasferimento di residenza non prevede costi.

I cittadini che cambiano indirizzo di residenza all'interno del Comune hanno l'obbligo di darne comunicazione agli Uffici comunali entro il termine di 20 giorni dal verificarsi dell'evento. In caso di mancata comunicazione il Comune vi può provvedere d'ufficio.

Dichiarazione di residenza.doc 97,50 kB

Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam