Ti trovi in:

Home » Territorio » Conoscere Commezzadura » Leggende » Piano di Commezzadura - Il vestito della Madonna

Piano di Commezzadura - Il vestito della Madonna

di Lunedì, 21 Luglio 2014

A Piano quasi nessuno ancora la conosceva: era una donna giunta in paese da poco tempo per sfuggire a chissà chi; viveva tranquilla e senza recar disturbo in una casupola ai margini del villaggio, lavorando nell’orto e salutando gentilmente tutte le persone che passavano di lì. Ma “buongiorno” e “buonasera” erano le sole parole che uscivano dalle sue labbra.

Avvenne che un giorno la donna s’ammalò gravemente e non vedendola più a zappettare nell’orto, quelli di Piano si preoccuparono. Alcune comari andarono a farle visita e la trovarono in fin di vita, distesa a letto in preda a violenti scossoni febbrili. D’accordo, non era una di loro e chissà quale fosco e triste passato aveva alle spalle, la disgraziata, ma le buone donne non si lasciarono intimorire: corsero a prender bende, erbe mediche, pozioni e tentarono in ogni modo di farle abbassare la febbre. Ma tutto si rivelava inutile: la poveretta peggiorava di giorno in giorno, finché alla comare più anziana venne in mente un’idea.
– Perché non la vestiamo con l’abito della Madonna Addolorata della nostra chiesa?
Erano in molti a sussurrare che quella statua della Madonna fosse miracolosa e d’altronde, dinnanzi a quella misteriosa malattia, tanto valeva provare.
E la donna guarì! Non appena ebbe addosso il vestito bianco e azzurro della Madre di Dio, il tremore svanì, la febbre scomparve e un bel colorito roseo tornò sulle guance dell’ammalata.
In segno di ringraziamento alla Vergine, ma anche alla gente di Piano, che si era mostrata così premurosa con lei, la misteriosa donna ricamò con l’oro e l’argento un nuovo abito per la statua della Madonna Addolorata. E fu gran festa, nel villaggio, la domenica della vestizione della Vergine: ospite d’onore, la nuova compaesana.

Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam